L’Italia riparte e gli investitori ci apprezzano

L’Italia riparte e gli investitori immobiliari tornano

E’ di qualche giorno fa la notizia apparsa sul IlSole24Ore con la quale si poneva l’attenzione sul crescente interesse degli investitori per l’immobiliare commerciale europeo, con Amsterdam, Berlino, Francoforte e Parigi in cima alla lista delle città preferite.

Con numeri ancora troppo distanti dalle città europee suddette Milano e Roma faticano ancora ma avrebbero fatto registrare un lieve cenno di ripresa. Questo è quanto emerge dal Global Commercial Property Monitor, il report trimestrale di Rics, (che puoi scaricare in pdf qui) che misura la fiducia nel settore retail, uffici e industria. L’indagine rileva che l’Investment Sentiment Index rimane positivo in 27 dei 34 Paesi presi in esame, mentre l’Occupier Sentiment Index è positivo per 24 Paesi su 34, quattro in meno rispetto al trimestre precedente. In particolare, in Italia va bene il comparto “prime office”, con i canoni in aumento più a Roma che a Milano, in controtendenza rispetto ai precedenti rapporti.

Di seguito un estratto significativo del report suindicato dal quale si rileva la tendenza delle locazioni negli ultimi 12 mesi e le aspettative di rivalutazione del capitale in tutti i settori a livello mondiale:

(fonte: RICS -G lobal Commercial Property Monitor – 1Q2018)

La voglia di vedere il bicchiere mezzo pieno, dopo che per tanti, troppi anni abbiamo assistito ad un mercato bloccato, incagliato in un sistema politico ed economico di estrema austerità nella quale gli investitori stranieri ci hanno guardato con estrema diffidenza, è forte, confido nelle promesse del nuovo governo di dare un impulso alla nostra economia con nuove regole più adeguate alle esigenze del mercato da quello retail a quello degli investitori istituzionali italiani ed esteri.

L’intervento compatto di tutta la filiera che ruota attorno al real estate è un altro elemento essenziale per raggiungere dei livelli adeguati di competitività con gli altri paesi europei.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *